La digitalizzazione è ormai entrata a pieno titolo nelle nostre vite quotidiane, portando alla rivoluzione in interi settori merceologici:
è così cambiato il nostro rapporto con le banche, organizziamo in maniera differente viaggi e spostamenti ed infine, vanno di conseguenza evolvendosi anche le nostre abitudini di acquisto.

I software non occupano più un posto di rilievo solo per i programmi gestionali, la logistica e la gestione dei fornitori, ma l’integrazione fra questi livelli e le attività di progettazione, analisi, manutenzione e gestione della produzione rappresentano la vera novità dei processi di digitalizzazione.

L’affermarsi di Industria 4.0 vedrà, prevedibilmente, una sempre maggiore integrazione anche a livello di catena del valore.
Riteniamo che sia fondamentale pensare all’uomo al centro dunque, non solo in veste di fruitore della tecnologia, bensì come protagonista attivo all’interno dell’azienda dell’evoluzione digitale della stessa.

In uno scenario globale in cui i settori industriali stanno subendo una profonda trasformazione dettata da un maggior impiego di intelligenza distribuita, digitalizzazione e interconnessione, le soluzioni di automazione devono essere in grado di offrire risposte adeguate per soddisfare appieno le nuove impostazioni organizzative dell’azienda e di processo.

L’automazione intelligente ci libera dalle attività ripetitive, scatena la creatività e ci permette di costruire relazioni lavorative più forti e produttive.
Ci rende così più umani, non meno.